Carta dei principi inviolabili

Non so quante volte mi sono reso conto che alcuni aspetti di me stesso non mi piacevano e mi sono riproposto di cambiarli. A volte con grande decisione, a volte meno. A volte addirittura con rabbia, a volte meno. A volte con successo, a volte meno.

Spesso (molto) rendendomi conto periodicamente di ripetere gli stessi errori.

Lo so è umano, non è pensabile ambire ad eliminare gli errori dalla propria vita. Tuttavia non credo questa posa essere una “scusa” per impigrirsi rispetto alla ricerca di migliorare se stessi.

Poiché un amico mi ha insegnato negli ultimi anni che scrivere le cose aiuta spesso a tenerle presenti, ho deciso che è arrivato il momento di farlo.

Perché non è più il tempo di PROVARE a cambiare le cose che non mi piacciono, ma è arrivato il tempo di CAMBIARLE.

Ecco qua la mia lista… che probabilmente aggiornerò giorno per giorno.

Come Padre e Compagno

  1. Non usare MAI la forza fisica (trova un gesto/parola che ti ricordi questo proposito, se aiuta allontanati nel momento in cui sei più nervoso e torna quando ti sei calmato).
  2. Non minacciare MAI di usare la forza fisica
  3. Non urlare MAI
  4. Non umiliare o “prendere in giro” MAI
  5. Sostituisci la parola punizione con la parola conseguenza
  6. Non minacciare conseguenze che non applicherai
  7. Abbi il coraggio di applicare le conseguenze che hai dichiarato. Se le elimini o le riduci, spiega bene il motivo
  8. Usa rinforzi rinforzi positivi sulle cose fatte bene o che inviti a fare bene, rispettivamente come gratificazione e come stimolo
  9. Non mischiare incoraggiamenti con correzioni, tipo “bravo ma…”. Dispensa incoraggiamenti subito dopo la “prestazione”, senza se e senza ma. Dai i consigli subito prima della prestazione successiva, magari ricordando le cose fatte meno bene l’ultima volta.
  10. Chiedi TUTTI i giorni come è andata la giornata
  11. Entra in casa SEMPRE con il sorriso
  12. Controlla tutte le sere diario per avvisi
  13. Controlla tutte le sere i compiti fatti
  14. ASCOLTA i tuoi bimbi, anche fosse solo per qualche minuto. Ascoltali suonare la chitarra, ascoltali mentre ti raccontano barzellette e freddure, ascoltali quando ti raccontano quello che gli piace, ascoltali quando ti raccontano il video che hanno visto su youtube, ascoltali quando ti raccontano cosa ha fatto Cristiano Ronaldo, ascoltali.
  15. Dai sempre il bacio della buonanotte, anche quando sei “arrabbiato”.
  16. fai il massimo per (scoprire e) assecondare le passioni dei tuoi bimbi.

Come uomo

  1. Non arrivare mai in ritardo, meglio in anticipo. Non ti annoierai, magari ne approfitti per fare altro, anche prenderti un aperitivo o una cosa al bar. O ti porti un libro da leggere o fai una passeggiata a guardare i negozi.
  2. Non aspettare che rimanga poco tempo per fare una cosa, in modo da sentire la pressione e avere lo stimolo solo allora. Fai le cose quando hai tanto tempo, considerando che se gli dedichi lo stesso tempo che avresti avuto alla fine, poi ti rimane spazio per altro. Il fatto che hai tanto tempo per fare una cosa non significa che lo devi spendere tutto per fare quella cosa. La pressione createla da solo, pensando che poi smarcata quella cosa ti resta il tempo per altro. Anche se le cose non vanno fatte frettolosamente, una cosa per essere fatta bene non deve necessariamente prendere tutto il tempo che potenzialmente avresti.
  3. Cerca di essere te stesso in ogni situazione, e non in funzione delle persone che hai davanti e di come credi che loro ti vedano. Il tuo te stesso è probabilmente un misto delle varie espressioni che escono quando sei in contesti differenti. Scegli il meglio da tutto e sii quello, senza farti influenzare o farti inibire dal contesto.

Quando lavori

  1. Non saltare da una cosa all’altra continuamente. Datti un tempo per rimanere concentrato su una cosa e un momento e un tempo per “monitorare” il resto (mail, social, altre cose che ti vengono in mente improvvisamente)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *