Il mio primo riciclo!

Era il giorno del mio quarantesimo compleanno. Il mio fratellino mi portò a prendere un aperitivo in quel di Caprino…. mentre il resto della mia famiglia preparava i dettagli di una fantastica festa a sorpresa che si sarebbe svelata solo di li a poco.

Con uno spritz in mano (o era qualche bollicina?), ci siamo seduti al fresco degli 850 metri di Caprino, in piazza, al tramonto dopo una giornata torrida di metà agosto.

E’ li che ho visto questi originali divani fatti col pallet che mi hanno subito ispirato. La mia testa, tra un bicchiere e il successivo, ha cominciato a immaginare il progetto.

Pochi giorni dopo mi sono messo a esplorare il Web. Ho scoperto un mondo. Milioni di idee per riciclare pallet (e non solo) per creare arredi, per interno e per esterno. Alcuni bellissimi, alcuni un po’ meno. Un milione di idee hanno cominciato a frullarmi in testa. Con il piacere aggiunto di pensare di creare qualcosa di utile e bello spendendo poco e riciclando qualcosa di vecchio.

E mi sono quindi fatto una cultura anche sui pallet, rendendomi conto che ce ne sono di vari tipi. Ho optato per gli EPAL, che ho scoperto essere più robusti e regolari. Ne ho scoperto le misure (80×120) e ho iniziato a pensare come assemblarli.

Passo successivo: trovare i pallet usati.

Dopo diverse ricerche sempre sul web (eBay, Subito.it, Google, ecc…), li ho trovati casualmente tornando a casa dal lavoro nell’autunno dell’anno scorso. Una sera che il raccordo era intasato (stranamente!) ho deciso di uscire sull’Ardeatina per poi prendere via di Fioranello… poi Appia, ecc… fino alla sospirata meta (Labico). All’improvviso una visione… una montagna di bancali e un cartello “vendita pallet usati”. Ne prendo 5, selezionati, a 6 Euro l’uno e li carico sulla mia Polo.

Rimangono stipati fino a un mese fa quando finalmente mi viene l’ispirazione per mettermi all’opera. Da qui nasce la mia creatura. E’ la prima, c’è margine di miglioramento. Però, che soddisfazione!

E adesso avanti con altre idee…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *